“Riversa un giorno nero più triste delle notti”. Due opere decadentiste assieme

La lirica di Baudelaire associata all’opera pittorica di Puvis de Chavannes, dunque non mi resta che augurarvi buona lettura e buona visione.

Spleen – Charles Baudelaire

Quando, come un coperchio, il cielo pesa greve
Sull’anima gemente in preda a lunghi affanni,
E in un unico cerchio stringendo l’orizzonte
Riversa un giorno nero più triste delle notti;

Quando la terra cambia in un’umida cella,
Entro cui la Speranza va, come un pipistrello,
Sbattendo la sua timida ala contro i muri
E picchiando la testa sul fradicio soffitto;

Quando la pioggia stende le sue immense strisce
Imitando le sbarre di una vasta prigione,
E, muto e ripugnante, un popolo di ragni
Tende le proprie reti dentro i nostri cervelli;

Delle campane a un tratto esplodono con furia
Lanciando verso il cielo un urlo spaventoso,
Che fa pensare a spiriti erranti e senza patria
Che si mettano a gemere in maniera ostinata.

E lunghi funerali, senza tamburi o musica,
Sfilano lentamente nel cuore; la Speranza,
Vinta, piange, e l’Angoscia, dispotica ed atroce,
Infilza sul mio cranio la sua bandiera nera

Pierre Puvis de Chavannes, Il povero pescatore
Precedente Forme uniche della continuità nello spazio. Il capolavoro di Boccioni Successivo Il senso della tenerezza in Klimt