Una spontanea riflessione

Tutto l’impegno non potrò mai riassumerlo in un giro di parole, per carità la politica è fra le mie più grandi passioni. Ora, in questo preciso istante sento il dovere di mettere su carta quanto sento.

Pensavo al prossimo traguardo e mi interrogavo su alcuni aspetti e sono giunto a non dover escludere il lungo percorso che da oltre dieci anni percorro all’interno dell’arte e sento dunque di dover approfondire ancora di più.  Un mondo così non posso eslcuderlo sempre, né tantomeno accantonarlo sempre, voglio viverlo nella totale pienezza e soprattutto sogno di professionalizzarmi ulteriormente.

E allora ho deciso di congelare il battito di un cuore per dare maggiore forza all’altro, posso dare maggiore aiuto al territorio in questo modo, ho studiato tanto e sento di non dover tenere con me quanto appreso. Forse facendo così potrò contribuire a far passare quell’idea che vede nella valorizzazione delle bellezze artistiche una risorsa, esteriore ed interiore, di ogni comunità e individuo.

Userò questo spazio per ciò che penso e sento.

Precedente Spazio differente - Land Art Successivo Bene l'isola pedonale, ora si pensi alla valorizzazione delle risorse culturali