Le arti sorelle: una poesia di Leopardi con un dipinto di Friedrich

E’ emozionante ascoltare una poesia e guardare un’opera d’arte, ho provato con l’Infinito di Giacomo Leopardi mentre osservavo L’Abbazia nel querceto di Caspar David Friedrich. E’ proprio vero che queste arti sono sorelle

 

L’Infinito  (Giacomo Leopardi)

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

E questa siepe, che da tanta parte

Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

Spazi di là da quella, e sovrumani

Silenzi, e profondissima quiete

Io nel pensier mi fingo; ove per poco

Il cor non si spaura. E come il vento

Odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

E le morte stagioni, e la presente

E viva, e il suon di lei. Così tra questa

Immensità s’annega il pensier mio:

E il naufragar m’è dolce in questo mare.

 

Caspar David Friedrich, L’abbazia nel querceto, 1810, Berlino, Alte Nationalgalerie