Crea sito

La Madonna della Seggiola

di Domenico Ble

Questo immenso capolavoro di Raffaello è difficile da dimenticare, perchè la grazia che è racchiusa nell’opera incide nella memoria.

La Vergine seduta ha lo sguardo fisso verso l’osservatore, tiene stretto in braccio il bambino Gesù, anchesso rivolto verso il pubblico, le due teste si toccano, traspare l’inscindibile unione fra i due, la madre stinge forte il figlio a se in segno di amorevole protezione, attentamente osservando possiamo immaginare il lieve dondolare materno;
dietro ai due, in secondo piano sulla destra, san Giovannino in preghiera con lo sguardo rivolto verso la Vergine Maria.
I soggetti sono messi in risalto dalla luce che candidamente li sfiora, la stessa funzione ha lo sfondo nero; vi è una precisa cura dei particolari come la decorazione della veste e del copricapo indossato dalla Vergine.

L’opera risale al 1513/1514 e già era parte della collezione della Famiglia Medici, si presume che a commissionarla si stato il pontefice Leone X, inviata alla famiglia a Firenze solo in un secondo momento.

error: Content is protected !!