Crea sito

Oltre il limite c’è Kandinskij

di Domenico Ble

Alla natura dell’uomo è collegata la volontà di ricercare il confine del proprio limite, spingersi oltre, nella maniera più assoluta, annullando se stessi e facendo parlare la propria interiorità. Cosi amo riassumere Kandinskij, pittore, pilastro assoluto dell’arte del ‘900.

e4c32ed7a3e693ffe62d353ff2f64f4e

Vassily amava ripeterlo sempre << La nostra anima si sta risvegliando da un lungo periodo di materialismo. >>, proprio fra queste si cela la radice della sua pittura, che non guarda, ma ascolta la voce nascosta nell’interiorità. Essa si esprime e grida nei colori, esplode nel movimento della pennellata, il pittore diviene funge da portavoce. Nel suo “Spirituale nell’arte” Kandinskij lo pronuncia chiaro, solo attraverso il colore con le sue tonalità è possibile raggiungere l’anima.

8b27157a831368fc5c2f44db18dd7cff

<<..In generale il colore è un mezzo per influenzare direttamente un’anima. Il colore è il tasto. L’occhio è il martelletto. L’anima è un pianoforte con molte corde. L’artista è la mano che, toccando questo o quel tasto, fa vibrare l’anima. E’ chiaro che l’armonia dei colori è fondata solo su un principio: l’efficace contatto con l’anima. Questo fondamento si può definire principio della necessità interiore...>>

eaaf1c9ea13c1b0f3dbb533c015745be

error: Content is protected !!