La candida pennellata del Beato Angelico

30 marzo 2015 AntArtIco 0

Del Beato Angelico ricordiamo la pennellata candida e leggera, ma soprattutto la luce che accarezza i volti, che li avvolge e li trasporta in una dimensione beata. Sarà un’esempio per Piero della Francesca e molti altri. Seppe conciliare nella sua pittura l’innovazione umanistica fatta di razionalismo degli spazi e proporzioni, con la minuziosità, la preziosità, dell’ormai ricordo gotico internazionale.

Il trionfo della morte di Bruegel

29 marzo 2015 AntArtIco 0

Noi certamente non sappiamo ne dove, ne come e ne quando avverrà il nostro ultimo giorno, Bruegel il Vecchio fantastica su questo argomento lasciando invadere la terra dalle legioni della morte. Proprio delle legioni, questo è quello che può venirci in mente a primo impatto, osservando l’opera il Trionfo della morte datato 1562 e conservato nel Museo del Prado di Madrid.

Utrillo, anima in ricerca a Montmartre

29 marzo 2015 AntArtIco 0

Tempo fa guardando il film I colori dell’anima, incentrato sulla figura di Amedeo Modigliani, nel via vai di nomi celebri, citati nella pellicola, è rimasto impresso nella mia mente la Maurice Utrillo.

La vera ricchezza dei Gonzaga

29 marzo 2015 AntArtIco 0

Secondi solo al Papa e ai Medici Signori di Firenze, i Gonzaga furono grandi mecenati e collezionisti di opere ed oggetti d’arte. Amavano mettersi in bella mostra e spesso le loro residenze divenivano dei veri musei, è una famiglia principesca, la storia li ricorda come i celebri Duchi di Mantova, ma contemporaneamente erano possessori di diversi territori come, il Ducato di Guastalla e il Ducato di Sabbioneta.
Ebbero un peso importante nella politica europea, rapporti di “convenienza matrimoniale” unì la famiglia ai regnanti di Spagna e Francia.

Vince la borghesia, cambiano i mecenati.

29 marzo 2015 AntArtIco 0

Con l’avvento di Napoleone Bonaparte cambiano gli assetti dell’Europa, molte teste coronate cadono con l’avanzata della Grande Armèe, nella seconda metà del’800 all’interno della politica statale, dei nuovi personaggi (già affermati con la spinta della Rivoluzione Francese) si consolidano affermando il proprio prestigio sociale e politico, parliamo dei borghesi